statuto

Forum INBAR commissione riforme statuto

  • This topic has 2 risposte, 2 partecipanti, and was last updated 3 months fa by INBAR.
Stai vedendo 3 articoli - dal 1 a 3 (di 3 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #79462
    INBAR
    Amministratore del forum

    PREMESSA
    la struttura ed il funzionamento dell’Istituto Nazionale di Bioarchitettura sono regolati da:
    1) Statuto
    2) Regolamento Generale
    3) Regolamento di votazione
    e a seguire anche
    Regolamento delle Commissioni
    e Delibere di Direttivo.
    Questo è uno spazio rivolto ai soci, in cui discutere pubblicamente sulle possibili istanze di miglioramento.

    PER PARTECIPARE:
    per questioni di sicurezza, la scrittura del forum è consentita solo agli iscritti con credenziali di accesso al sito. Se non lo avete ancora fatto, potete registrarvi sul sito e successivamente inviare una richiesta a segreteria@ o info@
    bioarchitettura.it chiedendo l’abilitazione al forum.

    #80690
    Giovanni
    Partecipante

    carico qui copia del testo dello statuto vigente
    Statuto 2012 pdf

    #80773
    INBAR
    Amministratore del forum

    Verbale della Riunione di Commissione del 4/11/2019:
    OGGETTO “Discussione in merito a possibili variazioni dello Statuto inbar in risposta a necessità di adeguamento normativo e opportunità di miglioramento del funzionamento associativo”

    Alla riunione è presente Maria Grazia Mendilicchio, dottore commercialista in Torino, in veste di consulente esterno invitato dal socio Salvatore Mendilicchio (TO).
    A lei risulta che nello specifico del territorio di Torino l’agenzia delle entrate sta svolgendo controlli sulle associazioni, per scoprire attività incongrue al no profit. A tale proposito, dopo avere preso alcune informazioni sulle modalità di svolgimento della attività dell’Istituto, rileva:
    un problema di democraticità in caso di controlli, in quanto le riunioni assembleari a suo avviso dovrebbero essere avviate già in prima convocazione, con almeno il 50% dei soci presenti. L’avvio sistematico solo in seconda convocazione pone a suo avviso dubbi di democraticità.
    Un problema in merito alle attità profit, che a suo avviso sarebbe meglio convogliare in un ente commerciale ad esse dedicato (ad esempio nelle attività per enti pubblici, che necessitano partita iva), convenzionato con l’Istituto per le attività profit, consentendo la chiusura della partita Iva dell’Istututo, non necessaria per le sole attività no profit. Tale ente potrebbe configurarsi come una Fondazione o come una tra le varie forme di Srl.
    La Fondazione potrebbe essere interessante. Impegna alla costituzione di un patrimonio e all’obbligo di revisione dei conti da parte di un iscritto, anche inattivo. Può svolgere ricerca scientifica di particolare interesse sociale1.
    Passa poi ad analizzare gli aspetti necessari per il riconoscimento giuridico e la configurazione di Associazione di Promozione Sociale (APS) e Onlus.
    Serve un Bilancio consolidato a carattere esclusivamente interno, da presentare in sede di approvazione dei bilanci. ….o Bilancio Sociale o di Missione, depositato sul sito.
    L’APS promuove attività di carattere sociale, svolge un ruolo di “divulgatore” e non è detto che sia rivolta a fasce o aree svantaggiate. Non sono deducibili le donazioni. Necessita dell’autorizzazione comunali, a volte difficile da ottenere (non sarebbe il caso di Inbar, per la sua antica costituzione e attività svolte).
    L’acronimo Onlus fa riferimento al D.Lgs 460/1997 e identifica enti rivolti a categorie e/o ad aree svantaggiate2. Presenta tante agevolazioni, ha la possibilità di devoluzioni 5‰ dell’IRPEF. Donazioni ad onlus sono parzialmente deducibili dalla dischiarazione dei redditi
    Rispondendo a specifica domanda in merito alle Reti Associative, volta a sondare possibilità di esplicazione del rapporto tra Istututo e sezioni territoriali, risponde che non conosce casi applicativi.

Stai vedendo 3 articoli - dal 1 a 3 (di 3 totali)
  • Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.