Istituto Nazionale di Bioarchitettura®
Cerca

Italian Bioarchitecture Institute – Sustainable solutions for China

L’ ISTITUTO NAZIONALE DI BIOARCHITETTURA ha avviato una collaborazione con la società cinese HAINAN EOLO CREATIVE CULTURE L.t.d. con sede ad Haikou, Hainan, per effettuare corsi formativi sul tema della Bioarchitettura.Il Presidente Carulli sottolinea sull’evento -“Il fine di questo progetto è di sostenere i principi della Bioarchitettura come altri progetti internazionali in cui è impegnato […]

Data:

14 Gennaio 2022

Tempo di lettura:

1610 parole - 14 min

Italian Bioarchitecture Institute – Sustainable solutions for China

L’ ISTITUTO NAZIONALE DI BIOARCHITETTURA ha avviato una collaborazione con la società cinese HAINAN EOLO CREATIVE CULTURE L.t.d. con sede ad Haikou, Hainan, per effettuare corsi formativi sul tema della Bioarchitettura.
Il Presidente Carulli sottolinea sull’evento -“Il fine di questo progetto è di sostenere i principi della Bioarchitettura come altri progetti internazionali in cui è impegnato l’Istituto, divulgando la filosofia e la nostra identità, che ha promosso dalla sua fondazione, l’autonoma iniziativa delle collettività a perseguire il bene comune.Attraverso l’insieme delle discipline che attuano e presuppongono un atteggiamento ecologicamente corretto nei confronti dell’ecosistema ambientale.Contenta di essere riuscita a procedere, senza esitazione, nel percorso tracciato dal grande maestro e fondatore Ugo Sasso dando nuova linfa vitale a questa importante istituzione che ha veicolato la Bioarchitettura in Italia.Questa visione, nell’ultimo trentennio, ha caratterizzatato la più ampia interdisciplinarità e l’ utilizzo razionale e ottimale delle risorse al fine di privilegiare la qualità della vita ed il benessere psico-fisico dell’uomo in relazione al suo ambiente.Oggi siamo di fronte alla necessità di definire un nuovo modello, una nuova proposta “avanguardistica” da una prospettiva che consenta all’Istituto di ri-affermarsi nel ruolo innovatore, trainante e proponente che ne caratterizza in DNA. Ruolo che gli ha consentitodi attestarsi come l’associazione nazionale di settore più longeva in un panorama che nei decenni si è arricchito con mille figure, più o meno settoriali, più o meno idealiste, più o meno inseguitrici delle mutate finalità ambientali, sociali, progettuali, imprenditoriali e sociali. Una delle peculiarità dell’Istituto è stata la sua totale autonomia da modelli di finanziamento estranei alle proprie forze, principalmente politici e lobbistici o da “gruppi di interesse” sociali o aziendali. Questa caratteristica, questo modello, questo approccio restano – e a parere nostro devono restare – elementi di distinzione che rivelano e qualificano l’Istituto come un “valore unico” nel panorama nazionale italiano generale associazionistico e culturale proteso culturalmente verso l’umanizzazione del territorio.”
L’Istituto ha programmato uno specifico corso formativo frutto delle esperienze passate,  in quest’ambito è stato organizzato l’evento del 18 gennaio 2022 in webinar dal titolo “Italian Bioarchitecture Institute – Sustainable solutions for China” grazie anche alla collaborazione della Camera di commercio italiana in Cina per presentare la Bioarchitettura e l’istituto ai tecnici e ditte cinesi. L’obiettivo è di divulgare il sapere, le conoscenze e le esperienze che l’Istituto ha maturato in questi 31 anni di vita e che hanno suscitato interesse anche dall’altra parte del globo e più precisamente nella provincia di Hainan posta nella parte più meridionale della Cina, nota per il clima tropicale, le località balneari ed un entroterra montuoso ricoperto da foreste.
“Nonostante la nostra storia in pochi pensano al fatto che una città si componga sì di parti, ma che queste parti insieme costituiscano anche un intero “- spiega il Vicepresidente Nando Bertolini, responsabile del progetto – “Città come Bologna sono diventate accoglienti, con portici e luoghi di ritrovo grazie al fatto che fu imposto di costruire gli edifici in aderenza fra loro con un portico pubblico: si creano così spazi di relazione di cui le persone riescono a fruire, trasformando la città in organismo vivente. Certo ogni singolo elemento deve essere dotato di una propria autonomia e singolarità, ma esso acquisisce senso e significato quando contribuisce a far vivere, per mezzo di una complessa rete di tensioni dinamiche, il tessuto urbano. In questo senso, i nuovi insediamenti, debbono poter realizzarsi in maniera silenziosa nel contesto, sapendone cogliere il carattere, le relazioni e le necessità.Diventa importante osservare come “quell’edificio nuovo”, di cui tanto si è parlato su riviste e giornali, progettato da quel famoso architetto si inserisca nel contesto. Ecco, ultimamente succede proprio questo: viene progettato un oggetto architettonico, che appunto è un oggetto, qualche cosa che è stato collocato in quel posto, ma che potrebbe essere tranquillamente dall’altra parte del mondo, tale è il suo distacco (o conflitto aperto?) con la città in cui è andato ad inserirsi. Oppure più banalmente si realizzano interventi che non tengono conto dell’esistente, ne calpestano la storia e lo svuotano di significato.Di questo parlerò all’evento organizzato in Cina.” -L’evento, moderato da Eolo Tomassoni titolare di HAINAN EOLO CREATIVE CULTURE L.t.d., avrà come interventi di riferimento quelli di Anna Carulli, Presidente Inbar, che presenterà l’istituto e la sua storia, a seguire Nando Bertolini, Vice Presidente Inbar, che tratterà il tema della bioarchitettura e i contenuti del manifesto per la pianificazione integrata presentato.
Oltre ai due interventi principali la giornata sarà arricchita dai contributi di:

• Piero Meogrossi, ispettore MiBACT, Archeo –tettura: il Colosseo testimone di antica sostenibilità, architetto Nikki Li, Ricerca e promozione della tutela ambientale per una bassa emissione di carbonio;
• Chad Liu, Tecnologia e sostenibilità: un grande cambiamento;
• Teck Tin Wong, materie prime semplici e sostenibili
e con la presenza di Mo Yan e Stephen Liu.

Webinar SUSTAINABLE SOLUTION IN CHINA
mar 18 gen 2022 11:00 – 13:00 (CET)

Partecipa alla mia riunione da computer, tablet o smartphone.
https://global.gotomeeting.com/join/617253109

Puoi accedere anche tramite telefono.
Stati Uniti: +1 (224) 501-3412

Codice accesso: 617-253-109

È la prima volta che usi GoToMeeting? Scarica subito l’app e preparati all’inizio della tua prima riunione: https://global.gotomeeting.com/install/617253109

Rassegna stampa:

https://www.aise.it/cooperazione/italian-bioarchitecture-institute–sustainable-solutions-for-china-domani-il-primo-webinar-di-inbar/170865/2

https://www.telespazioplay.com/post/il-webinar-italian-bioarchitecture-institute-sustainable-solutions-for-china

https://mondonuovonews.com/?p=22980

https://www.architettitaranto.it/index.php/formazione-professionale/offerta-formativa/item/2279-webinar-inbar

A cura di

Questa pagina è gestita da
Istituto Nazionale di Bioarchitettura
INBAR
Autore
INBAR

Ulteriori informazioni

Ultimo aggiornamento

18 Gennaio 2022 10:16